Sostegno psicologico

« Ora…ecco, vedi, ci vuole tutta la velocità di cui sei capace per restare nello stesso posto.  Se vuoi arrivare in qualche altro posto, invece, devi correre almeno due volte di più » – Lewis Carroll, Alice nel paese delle meraviglie

Può capitare nella vita di ognuno di attraversare dei periodi di crisi acuta:  la perdita di una persona cara o del lavoro, un  blocco nel prendere una decisione importante e senso di paralisi, situazione di stallo nello studio o in una relazione sentimentale, cambiamenti nelle relazioni familiari, separazioni e composizione di nuovi assetti familiari,  essere genitori single, per fare alcuni esempi. 

Il malessere e il senso di stress o sopraffazione possono anche derivare dalla convivenza con la sofferenza di una persona cara, ad esempio un membro della propria famiglia che abbia una patologia cronica e invalidante. Altre volte un vostro caro può avere dei disturbi psichici e tuttavia non accettare in alcun modo di prendere contatto con il proprio problema né di ricevere cure psichiatriche o psicologiche.

Da queste situazioni difficili spesso si può riuscire da soli a ritornare ad una situazione di equilibrio, ma a volte ci possiamo sentire talmente sopraffatti da avere bisogno di un supporto professionale. 

Questo può aiutarci non solo a prendere maggiore consapevolezza della situazione attuale, ma anche di quali risorse personali e ambientali siano a nostra disposizione per migliorarla, di come mobilitarci per attingere a tali risorse, ristabilendo, passo dopo passo, un senso di efficacia e di sereno equilibrio nella nostra vita.

Domande frequenti

Temo di trovarmi in una situazione in cui potrei dipendere da lei, sarò libero di terminare il percorso?

La libertà di iniziare, proseguire o terminare la psicoterapia è sempre salvaguardata.

Va detto che chiunque inizi una psicoterapia ha comprensibilmente dei timori ed ognuno ha le proprie specifiche e significative paure. Quando ci accorgeremo della presenza di qualche timore, sarà fondamentale poterli esprimere pienamente. Un percorso psicologico, come qualunque relazione, deve basarsi sulla reciproca fiducia per non essere inevitabilmente destinato a fallire.

Potrà prescrivermi dei farmaci?

No, solo i medici possono prescrivere i farmaci. La psicoterapia cerca di agire sulle cause del disturbo mentre gli psicofarmaci, come ad esempio le benzodiazepine o gli SSRI utilizzati nei disturbi d’ansia e nei disturbi depressivi, agiscono solo sul sintomo.

Se lo riterremo necessario potremo discutere della possibilità di ricorrere anche ad una consultazione e ad una eventuale prescrizione farmacologica: se richiesto posso indicare dei nominativi di autorevoli psichiatri di mia fiducia con i quali collaboro.

Con che frequenza ci vedremo?

Dipende da caso a caso. Sicuramente una volta a settimana è il minimo indispensabile per affrontare un percorso psicoterapeutico di qualsiasi tipo. Con una frequenza di una volta al mese o due è difficile, se non impossibile, fare una psicoterapia. Una frequenza così sporadica è più tipica di interventi di supporto psicologico o di consulenze che mirano ad attutire gli effetti della crisi psicologica in atto senza l’obiettivo di estinguerla o di lavorare sulle cause oppure della fase finale di un percorso che si sta avviando alla chiusura.

Cosa faccio per garantire la vostra privacy?

Se immaginate di dover sostenere una consulenza con uno psicologo potreste pensare che dover raccontare così tanto di sé ad un estraneo sia complicato, e sicuramente per molti lo è, ma sarà mia cura mettervi a vostro agio, rispettando i vostri tempi e favorendo la vostra apertura con fiducia.

Per ciò che riguarda invece l’aspetto più formale, l’articolo 11 del Codice Deontologico degli psicologi obbliga ogni professionista ad osservare il segreto professionale attenendosi alla più rigorosa riservatezza. Le informazioni confidenziali non potranno essere rese pubbliche se non con il vostro consenso scritto. Fanno eccezione a questa norma le situazioni in cui sia a repentaglio la vostra vita o quella altrui, come nei casi di abuso, violenza o trascuratezza di bambini.A

Qualcosa su di me

Sono una psicologa e psicoterapeuta ad indirizzo Gestalt Analitico; mi occupo di consulenza e  supporto psicologici dell’adulto, del bambino e dell’adolescente. Faccio psicoterapia sia individuale che di gruppo. Mi occupo anche di psicologia scolastica e di tecniche di rilassamento applicate sia alla clinica, che all’educazione e alla gestione dello stress.

Nel 2004 mi sono laureata con lode in Psicologia ad indirizzo Clinico e di Comunità presso l’Università degli Studi Carlo Bo’ di Urbino. Mi sono specializzata in psicoterapia Gestalt Analitica individuale e di gruppo presso il Centro studi Psicosomatica di Roma.

Ricevo su appuntamento nel mio studio a Civitanova Marche in via Einaudi 394, presso il centro C.R.I.S.

Sostegno psicologicoContattami